Benedetti Paolo e C. S.n.c.

via Moretton, 20/A, 33056 Palazzolo dallo Stella (Ud) -Italy-

Perforazioni geognostiche a distruzione e a carotaggio continuo


Torna al men¨ home page


3a.Perforazione a distruzione di nucleo con scalpelli da 4" a 40"

3b.Installazione dispersori diametro massimo 8", profondit. massima 500 m

3c.Perforazioni per pali trivellati con realizzazione e posa in opera armature

3d.Perforazione a carotaggio continuo, diametro da 4" a 10", ricostruzione stratigrafica

3e.Installazione tubi inclinometrici


3a.Perforazione a distruzione di nucleo con scalpelli da 4" a 40"


Work

Immagine-Image

Torna all'indice di questa pagina



3b.Installazione dispersori diametro massimo 8", profonditÓ massima 500 m


Work

Immagine-Image

Torna all'indice di questa pagina



3c.Perforazioni per pali trivellati con realizzazione e posa in opera armature


Work

Immagine-Image

Torna all'indice di questa pagina



3d.Perforazione a carotaggio continuo, diametro da 4" a 10", ricostruzione stratigrafica

STRATIGRAFIE DEI SONDAGGI GEOGNOSTICI

Dalle 14 colonne stratigrafiche si osserva:

1) ProfonditÓ progressiva.
2) Spessore degli strati.
3) Scala grafica.
4) Rappresentazione simbolica dei terreni incontrati.
5) Descrizione della natura dei terreni incontrati.
6) Diametro del foro.
7) Quota dei campioni rimaneggiati e delle prove eseguite.
8) Indicazioni sulle falde acquifere se rilevate.
9) Indicazioni sulle prove eseguite.

Da un attento studio delle colonne stratigrafiche, si osserva che:

a) In generale i terreni sono costituiti da materiali sciolti e compatti, coerenti e incoerenti, rappresentati da ciottoli, ghiaie, sabbie, limi ed argille stratificati e variamente commisti tra loro.

b) Prevalgono i litotipi rappresentati dalle ghiaie e con sabbie, ghiaie sabbiose, ghiaie limose, rispetto ai limi sabbiosi, limi argillosi, limi ghiaiosi.Localmente si rilevano modesti livelli di sabbie miscelate a ghiaie e limi.Le percentuali dei materiali pi¨ fini sono sufficienti a determinare valori medio-bassi del coefficiente di permeabilitÓ su tutta l'area indagata

c) I materiali pi¨ grossolani, ghiaie e sabbie meno commisti con limo ed argilla, prevalgono sulla parte Nord nell'area indagata (pozzi e sondaggi 1-9) mentre i materiali pi¨ fini, limi ed argille, sono maggiormente presenti nella parte Sud (sondaggi 10-14).

d) In generale la frazione fine Ŕ rappresentata in percentuale pi¨ o meno alta in quasi tutti i campioni prelevati e indagati: ci˛ Ŕ in relazione alla densitÓ e permeabilitÓ. delle formazioni

Esempio di stetigrafia



Torna all'indice di questa pagina



3e.Installazione tubi inclinometrici


1.SCOPO :

a) Un inclinometro a sonda (o sonda inclinometrica) consiste in una sonda munita di rotelline, contenente un sensore eccitato dalla forza di gravitÓ, che generi un segnale elettrico inviato via cavo ad una centralina di acquisizione sulla quale si legga l'angolo a formato dall'asse della sonda con la verticale (figure 1 e 2) o lo spostamento incrementale.
Allo scopo, la sonda si inserisce in un tubo guida (tubo inclinometrico; n.d.t.) cementato in un foro di sondaggio, nel quale viene calata per passi progressivi leggendone ad ogni passo l'inclinazione. Come mostrato in Fig. 1, le misure dell'inclinazione della sonda e della profonditÓ a cui si effettua la misura sono utilizzate per calcolare la deviazione del tubo inclinometrico dalla verticale. Le differenze tra serie di misure effettuate in tempi successivi indicano i movimenti orizzontali dell'intero tubo.
(b) Lo strumento misura solamente movimenti del terreno normali all'asse del sondaggio. La maggior parte degli strumenti in commercio sono concepiti per funzionare in sondaggi subverticali; in questo caso possono essere rilevati solo movimenti orizzontali.
(c) La sonda inclinometrica, a differenza degli inclinometri fissi descritti nella seconda parte, pu˛ rilevare l'andamento degli spostamenti lungo l'asse del sondaggio in modo completo e dettagliato e pu˛ essere usata per localizzare i movimenti del terreno, ovunque essi abbiamo luogo. Una serie di letture su di un certo arco di tempo fornisce l'entitÓ , la direzione e la velocitÓ del movimento da accettare. Lo stesso strumento pu˛ effettuare letture in un numero qualsiasi di fori.
(d) La sonda inclinometrica non Ŕ adatta per letture "in continuo" o per letture a distanza, in questi casi si deve usare un inclinometro fisso.


2.STRUMENTAZIONE :

Una telecamera per riprese in foro o un'attrezzatura per misure geofisiche in foro pu˛ essere utilizzata per ispezionare il sondaggio, specie se non si dispone di carote.


3.PROCEDURA :

Indagini preliminari:

(a) Le caratteristiche del sito e del progetto dovrebbero essere esaminate dettagliatamente per specificare le prestazioni richieste alla strumentazione.
(b) L'ubicazione e la profonditÓ dei fori inclinometrici dovrebbero essere scelte sulla base di un studio delle condizioni geotecniche del sito, prendendo in esame l'entitÓ e la direzione presunte degli spostamenti e le caratteristiche degli altri strumenti da installare.

Installazione:

(a) I sondaggi devono essere eseguiti secondo l'ubicazione e fino alla profonditÓ richieste. Se per ottenere il foro si usa un rivestimento in acciaio, questo dovrebbe essere completamente ritirato durante l'installazione del tubo inclinometrico.
(b) Prima dell'installazione del tubo inclinometrico si dovrebbe accertare la natura del sottosuolo sulla base dell'esame delle carote e/o del foro. Inoltre si dovrebbe preparare una stratigrafia geotecnica del sondaggio in cui si evidenzino in special modo le fasce potenzialmente in movimento.
(c) Gli spezzoni di tubo vengono progressivamente connessi e inseriti nel tubo con la giusta orientazione. Il fondo del tubo va chiuso con un tappo a tenuta. Se si prevedono movimenti verticali si deve consentire l'accorciamento o l'allungamento del tubo in corrispondenza di tutte le giunzioni. Queste devono essere sigillate per prevenire l'ingresso del cemento dall'intercapedine foro-tubo. Se il foro Ŕ pieno d'acqua o di fango di perforazione o se vi Ŕ stato giÓ versato il cemento, riempiendo il tubo d'acqua se ne facilita l'inserzione nel foro. Se il foro Ŕ asciutto, il peso del tubo va sostenuto con un cavo fissato sul fondo del tubo e legato lungo il fusto ad intervalli regolari.


Lavori vari

Foto scalpello1

Foto autostrada2

Foto acquedotto3


Torna all'indice di questa pagina